giovedì 8 marzo 2018

Donne lontane dall'ovvio, in direzione ostinata e contraria

Donne da ricordare ogni volta che soffia il vento!

Le scoperte e il lavoro incessante di donne geniali, capaci guardare la realtà con nuovi occhi,  hanno fornito le basi del mio lavoro e la struttura del metodo REME. 
Le voglio presentare con una citazione tratta da -La profezia della Curandera- di Hernan Huarache Mamani
 e con grande rispetto e gratitudine.

“Secondo un’antica profezia, giungerà il giorno in cui lo spirito femminile si risveglierà dal lungo letargo e lotterà per cancellare odio e distruzione e dare infine origine a un mondo di pace e armonia”. 


Le scoperte di Françoise Mézières (1909-1991) sono la base tecnica e filosofica di riferimento del metodo REME®. Françoise Mézières rivoluzionò la fisioterapia classica affermando che è la struttura che modifica la funzione: l’elasticità muscolare determina la qualità del movimento. Scoprì che i muscoli sono organizzati in catene muscolari collegate tra loro e che tali muscoli in catena si comportano come se fossero un solo muscolo. I muscoli posteriori hanno la tendenza naturale ad accorciarsi, irrigidirsi ed essere ipertonici, a causa dello sforzo necessario ad opporsi alla forza di gravità, procurando disturbi alla colonna vertebrale e squilibri in tutto l’organismo. Non è la posizione delle ossa a condizionare la nostra postura, quanto piuttosto la rigidità e l’accorciamento muscolare che causano lo spostamento della struttura ossea. L’allungamento e la decontrazione dei muscoli posteriori consentono di ripristinarne funzionalità, movimento e armonia strutturale.

Thérèse Bertherat e la sua Antiginnastica che si basa sui principi del metodo Mézières. Sono esercizi che portano a un lavoro cosciente su sé stessi, che hanno lo scopo di scovare le zone in cui si celano le tensioni muscolari per alleviarle. I movimenti sono funzionali al recupero dell’elasticità delle catene cinetiche, che sono formate dai muscoli che usiamo nella posizione eretta, e che nel tempo tendono ad accorciarsi. L’allungamento dei muscoli posteriori permette il recupero della funzionalità degli altri muscoli, conferendo armonia ed equilibrio al resto del corpo.
Palle di gomma piuma di varia misura e consistenza sono i principali strumenti utilizzati.

Il lavoro personale con Maddalena Monari ha dato il via al mio percorso di conoscenza e consapevolezza in direzione di quello che da molto tempo stavo cercando e che, poi, con l’acquisizione di successive esperienze, ha dato origine al mio metodo. Il Metodo Monari, che vede le sue basi nell’Antiginnastica e nelle intuizioni di Françoise Mézières, aggiunge un profondo lavoro di relazione e contatto che agisce sulle emozioni e sulle difese di ordine psichico che ognuno di noi attua nelle proprie esperienze di vita. I muscoli si contraggono in vari modi e intensità secondo la profondità della ferita emotiva subita. 

Janet G. Travell (1901-1997) scoprì la presenza di trigger point, ovvero i punti grilletto, micro contratture delle fibre muscolari. Questi sono la causa strutturale dell’accorciamento muscolare e hanno inoltre la peculiarità di provocare dolori in altre zone del corpo. 
Nel lavoro proposto con il metodo REME® si trattano i trigger point con l’utilizzo di palline posizionate nella parte posteriore del corpo che, con i facili movimenti proposti, procurano un massaggio che scioglie e decongestiona tali punti.

Donne spesso ignorate dalla scienza medica anche se con grandi potere di guarigione.

..........molte donne ancora hanno costellato la mia vita. Amiche maestre, madri, sorelle, figlie che mi hanno trasmesso e mi trasmettono tutt'ora le loro preziose sapienze!

Grazie di cuore care donne!
In cammino insieme....
Gloria